B come borsa

B come borsa. In teoria lui ha la sua, quella che fa pendant con la carrozzina poi passeggino, tu hai la tua, che era già spaziosa e popolata di “qualsiasi cosa” fin da prima della gravidanza, poi si è espansa con l’arrivo del piccoletto fino a diventare una vera e propria valigia. In pratica nella tua valigia, quella che ti porti al lavoro, che ti segue nelle riunioni con i clienti perchè così ci sta il fascicolo, il blocco, la penna, la documentazione, etc.. iniziano a nascondersi oggetti di innegabile sua proprietà: di tutto, salvo i pannolini sporchi, anche se non è del tutto escluso che ci possano passare nel momento in cui provi ad uscire con piccolo ometto, il passeggino, la borsa per il cambio e magari anche l’ombrello. Così misteriosamente quando cerchi le chiavi o l’agenda nella tua borsa la mano ravanante si imbatte in ciucco, porta ciuccio, nastrino per il ciuccio, salviette, giocattolini e pupazzi più o meno parlanti o suonanti, cappellini inverno/estate e calzini antiscivolo. La cosa bella è che, quando nel momento clou della conferenza stampa o dell’incontro di lavoro cerchi di tirare fuori blocco e penna e ti resta impigliato il nastrino porta ciuccio, non può fare a meno di sfuggirti un sorriso. sei tanto contenta che lui sia con te anche quando non c’è.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...