A come latte artificiale

o si ama o si odia. non ci sono vie di mezzo. per chi ha frequentato tre mesi di corso preparto, ha letto tutto il leggigile su gravidanza e maternità, sa dal primo di giorno dopo aver fatto il test cosa è il colostro e perchè fa tanto bene, non ci sono molte alternative: il latte artificiale è il male. così la malcapitata –  si fa per dire -fa di tutto per allattare, segue il metodo a richiesta, cioè il piccoletto fa bai e te gli dai la tetta, non si allontana per più di mezzora dal neonato che potrebbe essere colpito da improvvisi attacchi di fame.

Questo anche perchè inevitalbimente più la mamma è contro il latte artificiale, più il babbo è pro. forse non crede al miracolo della natura che fa sì che la mamma sia in grado di sostenere da sola il piccoletto, forse è solo invidia e vuole sentirsi anche lui compreso nell’opera di sostentamento, forse – ma è molto più imporobabile – teme che la mamma allattando a ripetizione si stanchi eccessivamente. fatto sta che arriva il momento che più o meno autonomamente si dota di biberon e polverina bianca – non quella polverina bianca –  e propone di dargli un po’ di latte artificiale. 

nessun neonato ha mai subito gravi danni dalle incursioni del latte artificiale proposto dal papà, nonostante il terrorismo di alcune che sostengono che se prova  il biberon poi smette di ciucciare. chi ne risente di più è la mamma che vede vanificare i propri sforzi, che si sente relegata da una parte e sostituita da mellin o quel che è.

uomo avvisato….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...