V come veloce veloce

Giusto di passaggio, prima di partire per riabbracciare il piccoletto abbandonato – che ogni tanto canta una canzoncina su un pesciolino che era scappato perché la mamma l’aveva rimproverato, si va di niente… – e per riassumere gli ultimi eventi – come se non poteste farne senza J

Ecco i flash:

sentito il pediatra, dice che se fa la pipì la notte è un fatto nervoso, se continua anche di giorno conviene fare una analisi delle urine, che “non si nega mai a nessuno” – to be decided;

ieri sera gita all’Ikea, niente di comprato. Abbiamo lasciato anche i cerotti disegnati che erano l’unico articolo che aveva attratto la nostra attenzione. Per il resto, si attendono i saldi di settimana prossima, la casa nuova – della prossima vita, lo sviluppo degli eventi. Dimenticavo, in realtà abbiamo comprato anche quattro gelati da 0,40 euro l’uno. Indovinate? Uno l’ho mangiato io, tre il babbo;

serata conclusa a vedere su Real Time lo splatterissimo 24 ore in sala parto. Giunta alle conclusioni che: del parto non mi ricordo tantissimo, meglio così a giudicare dagli urli delle partorienti UK, peccato non aver fotografato il babbo in camice verde, è vero che i dolori del parto si dimenticano, le mie ostetriche erano molto più giovani e in forma di quelle che girano su Real Time, avere un figlio a 19 anni come una protagonista sdentata della puntata di ieri sera non deve essere facile, ma neanche arrivare al quinto, come l’altra protagonista- partoriente che urlava forse di più.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...