F come fritto misto

questo potrebbe essere l’ultimo post della stagione, insomma prima delle vacanze perché il 27 saremo di nuovo qui. quindi ho deciso per un post vario, variegato e abbastanza confuso. però almeno andiamo con ordine: ieri sera terzo incontro -no, non è boxe – per il lavoro da free lance. come suona bene…ok,  per quella mano che sto dando ad un mio amico che si sta facendo il sito per un servizio molto carino in città. e ho scoperto il Prezzo del Silenzio. vale a dire un gelato. siamo arrivati, il piccoletto come al solito agitato e senza nessuna voglia di dividermi ancora con il lavoro – aveva ragione lui? sì, aveva ragione lui, sul breve termine perché sul lungo fare la free lance….ok, chiudo il cassetto dei sogni.

il mio amico gli prende un gelato. incredibile: il piccoletto non si sente per 10 minuti, sta lì fermo sulla seggiolina armato di paletta e bicchierino e ogni tanto mi devo voltare per vedere se è ancora lì o si è dato alla fuga. una meraviglia.

peccato che fosse il bicchierino piccolo: passati i dieci minuti riprende il suo assetto di sommossa e la modalità guerrilla con furto del foglio su cui stavo prendendo appunti e mano sulla mia bocca urlando STAI ZITTA!!!  meno male che avevamo quasi finito.

stamattina invece mi sono data alla casalinghitudine e ho pulito il terrazzo. ore 7, mi potevate vedere armata dei più potenti detersivi, praticamente armi di distruzione di massa, sul terrazzo a strofinare. non entro nei particolari schifosi, però sono soddisfatta. quando torno dalle vacanze conto di metterci un paio di piante e soprattutto dei cecchini anti-piccioni. come dite? é illegale? ma solo contro i piccioni..ok, con armi caricate a salve va meglio?

poi sono arrivata in uffico dove ho assistito alla ennesima sindrome del postino sperduto, quello che sta imbambolato davanti alle cassette delle lettere del palazzo, decidendo dove mettere cosa. ai nostri postini va abbastanza male perché qui ci sono molte aziende, frequenti cambi di nome, traslochi, nomi astrusi, quindi il compito è difficile. ma vederli lì nel dubbio a scervellarsi è piuttosto divertente -non me ne vogliano i postini – tanto che spesso alla fine concludono con il lasciare tre quarti della posta appoggiata sopra le cassette, come dire “decidete voi chi prende cosa che io mi sono già divertito”.

detto questo, direi buone vacanze, a meno che non ce la faccia a passare domani per un salutino o una fotina, buone vacanze!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...