P come patatine

leggevo oggi,  come leggo spesso negli ultimi tempi, metodi per vivere meglio, fare ordine, tenere casa pulita, etc.

oggi ho scoperto ad esempio il metodo ROAD.  per motivi che a “miei affezionati lettori” non sfuggiranno in questo momento l’idea di fare ordine mi interessa particolarmente, anche se credo che attenderò l’ormai prossimo – si fa per dire, qui si parla e ancora nessuno ha scritto una mail per disdire l’affitto di casa, di sicuro non crederà che lo paghi io quando lui si sarà deciso a fare le valige ed andarsene! anche perchè io mi vedo molto chez maman per vari motivi che racconterò nei prossimi giorni – trasloco per eliminare le cose che non servono, che a casa mia sono davvero tante, fra paia di jeans sdruciti che ogni tanto mi metto ancota, gonnelline recuperate che pensavo mi stessero come dieci anni fa e infatti di taglia mi stanno ma mettono una tristezza, passando per le gonne freak, quelle che quando cammini ci spazzi per strada, e le tre pashime nere identiche che non si sa mai e i golf che hanno fatto i pallini ma per casa potrebbero sempre andare bene e i pigiami slargati che magari le notti di ciclo me li metto e poi si buttano via. e gli asciugamani senza più forma e i ritagli di giornale di quando facevo la giornalista e i libri delle mostre che mi davano alle conferenze stampa e che dispiace buttare via.

insomma per il metodo ROAD ce la posso fare, con calma, ma sono sicura che ordine e organizzazione e più tempo per me, cioé per quella parte di me che è il mio piccoletto, saranno i miei prossimi imperativi.

a proposito del tenere pulito, invece, a casa mia è un dramma. a parte il fatto che il periodo è quello che è ed io sono particolarmente stanca, il piccoletto le scova di sotto terra per fare sudicio in ogni angolo della casa, salvo poi rimarcare, come ha fatto ieri uscendo dalla doccia, un angolo delle piastrelle meno pulito. ieri ad esempio era stato dal medico per il bilancio di salute, motivo per cui aveva avuto in premio dalla nonna un pacchetto di patatine. pacchetto già aperto, arriva a casa e decide di mangiarne un po’, gli chiedo di rimanere in cucina, così limitiamo il raggio delle briciole. no, va in salotto. io finisco di fare una cosa in cucina e lo raggiungo. non solo stava facendo briciole ovunque, aveva deciso di vedere che effetto faceva mettere tutti i pezzettini di patatina nella cabina di pilotaggio della gru giocattolo, buttarli per terra e schiacciartli con le ruote del camion giocattolo. il risultato come immaginerete era una spricinìo di patatine dovunque…

allora ditelo però che remate tutti contro🙂

immagine tratta dal web

 

2 pensieri su “P come patatine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...