E mi scappa da ridere

già, mi scappa proprio da ridere, pensando agli uomini, anzi a quegli uomini. cena del venerdì sera a casa di amico, ordine del giorno: figli che non vogliamo. proprio così, alla cena di cui avevo raccontato venerdì si sono ritrovati l’ex-babbo con la storia che sappiamo a la sua promessa di andarsene a breve perché non vuole il piccolissimo in arrivo, amico con due figlie e terzo in arrivo estremamente depresso a causa appunto del terzo arrivo imprevisto, amico che si è appena trasferito dal sud con moglie incinta di bambino che lui non vuol perché troppo presto – quest’ultimo, a detta dell’ex-babbo, è ancora nel limbo in cui con la moglie non avrebbero deciso come agire (?!?!?!?). insomma io ho trovato questo quadretto maschile molto divertente, non so voi. e emblematico di come spesso gli uomini non sappiano godersi quello che hanno e continuino a voltarsi verso il passato alla ricerca di una adolescenza ormai lontana, di una libertà di cui alla fine non saprebbero che farsene, degli anni trascorsi e di una vita senza impegni, senza oneri, ma con tanti onori – a questo proposito, come gli riesce bene all’ex-babbo fare l’offeso e quello in partenza e non parlarmi ma lasciare i piatti sporchi nel lavello e la biancheria nel porta biancheria. mai che facesse una cosa fino in fondo: siamo in rotta, è finita, inizia a lavarti i tuoi calzini e le tue mutande, no?

non solo, gli uomini, almeno questi, sono convinti che per tutto ci sia un rimedio, quando il rimedio n0n deve passare da loro. a proposito del terzo caso umano, sposato in chiesa da qualche anno, tutto più o meno lavoro e famiglia, come pensi che tua moglie possa decidere di abortire? su quali basi? per quali motivi? perché tu non ti senti pronto o non ne hai ancora voglia? ci sono reazioni che mi sembrano incredibili, proposte che mi lasciano a bocca aperta…

a parte questo, finesettimana 10 e lode. sabato mattina io e il piccoletto siamo andati in centro, dove abbiamo scoperto un piccolo, ma bellissimo giardino con biciclette e tricicli per  tutti – ero quasi intimorita all’inizio, quindi ho chiesto ad un’altra mamma se si potevano prendere, la risposta è stata “certo, basta rimetterli a posto” che spettacolo – e con un ippocastano che ci ha dato la possibilità di raccogliere e collezionare castagne matte di tutte le misure. poi passeggiata fra antiquari e banchini e la gioia di riscoprire come amo la mia città, alcuni angoli vicino ai quali ho vissuto per qualche anno della mia gioventù, alcune figure come l’antiquario-robivecchi che a mezzogiorno esce dal negozio con l’aperitivo in mano e si siede davanti al negozio a osservare serafico il passaggio o la pasticceria da cui escono ancora i signori con il vassoietto dei pasticcini piuttosto che la fila dal trippaio, insomma bellissimo.

il pomeriggio è continuato ad una specie di sala giochi per piccoletti. al chiuso, tanta confusione e per cinque minuti ho temuto che il piccoletto non si sarebbe staccato da me, invece poi ha iniziato a divertirsi, inseguire le palline, arrampicarsi sullo scivolo, giocare con i materassini e insomma io mi sono goduta un’ora e qualcosa di chiacchiere con una amica/mamma che mi hanno davvero rilassato.

ieri infine in montagna dall’ex-babbo, con ex-zii e ex-nonno – solo che loro non sanno di essere ex e specialmente per il nonno questo mi fa una certa tenerezza/tristezza. tempo freddino, ma tante ghiande da raccogliere, la castagna da mangiare, la fiera del paese da visitare. insomma a parte una parte della compagnia, una giornata molto piacevole. ma anche una giornata da prendere l’ex-babbo per un orecchio e chiedergli cosa cavolo sta facendo?!?!!?

10 pensieri su “E mi scappa da ridere

  1. C come comincia…. a lasciargli la roba nel cesto della biancheria sporca……….. eh che diamine.
    Scusa se mi permetto, ma a volte gli uomini bisognerebbe proprio trattarli come trattiamo i nostri figli!!!!!

    Facile fare il separatista con la spesa fatta la cena pronta e i vestiti lavati e stirati!!!!

    • io vorrei che il babbo non diventasse ex, che tutto restasse così com’è solo, diciamo, con un posto in più per il piccolissimo/la piccolissima. non so come si regolerà lui però, a volte ha detto che pensa di espatriare lontano e di cancellarci della sua esistenza, quindi non so come diventeranno i rapporti con la sua famiglia. sicuramente vedo difficili altre domeniche in campagna insieme, ma chissà…io ancora un po’ ci spero, ma non posso mica costrimngerlo a rimanere.

  2. Avevo già notato l’uso “improprio” di ex. Certo che il babbo sarà sempre tale, così come i nonni, gli zii e familiari vari. L’unico ex…sarà il compagno per la mamma….e null’altro. Ci mancherebbe altro che un genitore smetta di essere tale solo xchè ci si separa!!!
    Ma nonostante tante volte avrei voluto “riprenderti” per questo uso improprio non l’ho fatto fino ad ora…..semplicemente perchè ho intuito che tu proprio non vuoi che diventi ex, che vorresti che le cose tornassero rose e fiori, che non sai bene neanche tu come la situazione si arrivata a questo punto, che ti senti che ti sta scivolando di mano e che vorresti recuperarla ma non sai più come….lo so.
    allora ho capito che urli a sguarciagola questo EX in tutto ciò che lo riguarda….solo per esprimere la tua ribellione contro tutto quello che sta succedendo.
    Rifletti, rifletti e rifletti….e poi rimboccati le maniche e segui la strada che scegli.
    Scusami per la “predicozza”……ma…sai che è con affetto!!!
    Un abbraccio

    • grazie per la predicozza. mi ha capita benissimo, io vorrei solo che lui restasse e tutto tornasse come prima, mi sto rimboccando le maniche, mica poco. subisco tutto e vado avanti. però anche io ho bisogno di difendermi, di abituarmi a quella che potrebbe essere la realtà, perché non decido io. per questo allontanarlo, almeno mentalmente, non mettermi più l’anello che mi ha regalato, arrangiarmi in piccole e meno piccole cose, sono cose che sto facendo per essere un po’ più capace un domani che lui dovesse scomparire, di vedermela da sola.
      un bacio e grazie di passare da qui.

  3. La cena tra uomini la dice lunga sulla grande immaturità che cè in giro …gli uomini hanno paura delle responsabilità e non vogliono crescere …fortunatamente nn sono tutti cosi ma tu sei incappata proprio in uno cosi… … i nonni e gli zii non diventano ex- e non capisco a che gioco sta giocando lui ..dove vuole arrivare …perchè non se ne va?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...