B come babbi, avercene, non avercene, etc…

ieri sera aperitivo con le amiche e piccoletto e figlio di amica che ci annuncia di essere incinta del secondo. felice, cercato, raggiante, nascerà quando il primo avrà due anni e mezzo. babbo felice, ma assente. anzi, moooolto sportivo. corsa, nuoto, bici, ogni scusa è buona per stare fuori casa. più qualche notte alla settimana in un’altra città per motivi di lavoro. quando sta con il piccolo, c’è sempre anche la nonna, praticamente mai stati un pomeriggio solo babbo e figlio. per ora. mi chiedo come farà quando arriverà il secondo o la seconda. lei dici che il primo è molto mammone, io dico che i babbi, quando ci sono, ci devono essere davvero. e quando bissano, devono sapere a cosa vanno incontro e che responsabilità si dovranno prendere. per la mamma certo, ma anche per il primo figlio perché penso che una cosa sia vedersi “rubare” la mamma dal fratellino mentre il babbo è a disposizione, ha già costruito un rapporto con il primogenito ed è pronto a sacrificare qualche corsa o vasca per lui, una cosa è trovarsi fratellino o sorellina fra le palline e dover stare ad aspettare il proprio turno di attenzioni dalla mamma perchè il babbo è comunque a fare sport, perchè lo scarica, perché ne ha bisogno, perchè si sente meglio, altrimenti è nervoso. insomma, alzino la mano le mamme che non vorrebbero concedersi una ora in palestra o piscina o una seduta in più dall’estetista ma non lo fanno perchè preferiscono stare con il bambino o per non pesare di più sulle spalle dei nonni!

insomma, lo so che in questo momento sono sicuramente di parte, però dove mi giro, specialmente in questo momento in cui ho tempo per sabati e domeniche pomeriggio con amiche e figli, vedono uomini in fuga, in palestra o a giocare a giochi di ruolo con gli amici o a guardare la partita o simili. e mamme felici ma stanchine, che magari non ammettono neanche che il carico di “lavoro” è sproporzionato, ma sicuramente lo accusano. e allora mi dico, e forse dicendolo mi consolo e forse questo è il senso di questa lunga digressione, che ci sono tanti babbi presenti solo apparentemente e quindi forse tanto meglio un babbo che davvero non c’è e almeno non fa finta di esserci a parte poi farsi i fatti suoi. insomma, lo so che che è una provocazione, ma voi cosa ne pensate?

immagine tratta dal web

veniamo a noi, veniamo a stanotte, quando vennero le ore una e mezza e il babbo decise di fare il figliol prodigo, fino a un certo punto. salvo poi lamentarsi del rumore, della zanzara, di non aver trovato posto. salvo poi dire che in un paio di giorni non aveva certo sentito la nostra mancanza ed anzi si era goduto tranquillità, silenzio, natura e sveglia tardi la mattina. salvo poi farsi i fatti suoi stamattina, non parlare a colazione, dirmi che sentirsi oggi in giornata non avrebbe senso, aver lasciato la valigia su in montagna, chiedere al piccoletto chi preferiva che andasse a prenderlo oggi all’asilo: babbo o nonna? e lo sventurato, indovinate, rispose nonna – ma dai?!?! te ne vai per tre giorni, torni più incazzato di prima, non parli e metti musi lunghi, poi pretendi che il piccoletto ti implori di andarlo a prendere all’asilo. come fai a non capire che è ancora piccolo per scegliere, che basta la pastina che gli porta la nonna per indirizzare le sue preferenze, che non ha idea che poi magari non ti rivede per giorni o per sempre, che bastava  dirgli che andavi tu per farti fare un bel sorrisone e risolvere tutto. insomma vabbé che sei uomo ma usalo quel neurone!!!

morale della favola: forse stasera torna, perché dopo l’intensa attività sui social intende concedersi un po’ di intensa attività social – uscite, birre con gli amici e chissà cosa altro – dal vero e quindi non va a dormire lontano. poi però spera che il finesettimana vada via io o comunque lui non ci sarà. dice. vedremo. vivremo, comunque. io e piccoletto intanto stasera siamo a vedere una casina e poi a cena da nonna, del resto lo avevamo già fissato e almeno nessuno ci ringhia.

intanto, ieri sera anche la telefonata del nonno preoccupato. da cui la mia risoluzione per il finesettimana, max metà settimana prossima: portare il piccoletto dal nonno, dirgli del nuovo arrivo e fargli passare un po’ di tempo insieme. per tutti e due. perchè ci vuole.

detto tutto ciò e scusate i procurati sbadigli, buona giornata 🙂

Annunci

6 pensieri su “B come babbi, avercene, non avercene, etc…

  1. Sull’assenza dei padri si potrebbero scrivere enciclopedie…che tanto loro non leggerebbero.il ruolo della donna nella famiglia é unico in tutti i sensi.
    Per il resto…se la qualità del tempo che il piccoletto passa con il papà é questa…..beh,meglio soli che mal accompagnati

  2. Mia cara sfondi una porta aperta sull’assenza dei padri … ed è per questo che quando ti leggo non sono “preoccupata” per la eventuale assenza del papà per i tuoi figli ma son piu’ peoccupata di questo esserci e non esserci che vi sta propinando ….

    a sto punto cambia casa e se lui decide di non esserci vedi tu …se “obbligarlo” a vedere i bambini e quindi avvocati e legali o chi altro o tagliarlo fuori …ma è poi possibile? Non so …

    Ma il nonno ha capito?

    • siamo stati tutti e due vaghi. mi dispiace troppo farlo soffrire, so che vuole al nipotino un bene immenso. e pensare che ancora non sa del piccolissimo in arrivo. comunque è deciso, se non ci sono novità, al massimo settimana prossima andiamo a trovarlo io e piccoletto!

  3. Ti seguo da pochi giorni, ho letto con voracità i tuoi post degli ultimi mesi. So che vale poco, ma ti sono vicina moralmente in questo momento davvero difficile. Lucia

  4. No dai basta….diglielo. Basta. Se vuole stare a casa che lo facesse con il sorriso….se deve essere una sofferenza fuori.
    Tanto ad un certo punto il senso paterno gli arriva…magari tra dure, tre anni….
    Pensa solo a voi tre
    Un abbraccio forte forte

  5. Perdonami ma questo tuo post mi ha fatto venir voglia di dare due schiaffi ben assestati a questo babbo a meta’: appurato che fa fatica a fare il papa’, riuscira’ ad essere Uomo e prendersi le sue responsabilita’?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...